L’ ashwagandha, chiamata anche Withania somnifera o ginseng indiano, cos’è e a cosa serve?

L’ashwagandha è un estratto naturale di una pianta che, come hanno dimostrato diversi studi ufficiali, è capace di migliorare la qualità dello sperma e incrementare i livelli fisiologici testosterone e ormone luteinizzante, inoltre abbassa i livelli di cortisolo, il famoso “ormone dello stress”.

L’ ashwagandha può raggiungere un’altezza di 170 cm.

Come il pomodoro, ha fiori verde-gialli e il colore dei frutti può variare dal giallo-arancio al rosso a seconda dello stadio di maturazione.

La pianta è ricoperta di piccoli peli che le conferiscono un riflesso grigio-ceruleo.

Viene coltivata o cresce spontaneamente soprattutto in India, Nepal, Pakistan, Sri Lanka, ma anche Africa settentrionale e alcune zone del Mediterraneo (in Italia principalmente Sicilia e Sardegna).

Il più noto effetto Ashwagandha è l’effetto adattogeno.

Gli adattogeni sono sostanze vegetali che aiutano il corpo ad affrontare meglio le situazioni di stress fisico e psicologico. Questo effetto è attribuito principalmente al glicosidico conanolide.

Si tratta di sostanze vegetali che si trovano sia nelle foglie che nelle radici della pianta di Ashwagandha.

Gli scienziati attribuiscono l’effetto positivo sullo stress soprattutto al withanoside IV.

È conosciuta e utilizzata sin dall’antichità nella medicina indiana in particolare ayurvedica, come tonico e adattogeno, inoltre ha proprietà immunomodulatrici e antinfiammatorie.

In sanscrito il nome ashwagandha richiama alla forza e al vigore e tradizionalmente veniva prescritta alle persone che volessero rafforzare il proprio sistema immunitario dopo una malattia.

Infatti l’ashwagandha viene consigliata come rimedio naturale soprattutto in caso di stress, affaticamento, mancanza di energia e difficoltà di concentrazione.

Dal punto di vista dell’ayurveda può alleviare i sintomi di stanchezza e supportare il nostro benessere.

Si ritiene che abbia un potere afrodisiaco e che possa essere utile per risvegliare il desiderio sia per l’uomo che per la donna.

Sia le foglie che i frutti hanno delle proprietà medicinali, ma ad oggi come rimedio naturale vengono utilizzate soprattutto le radici del ginseng indiano.

La ricerca medica si sta occupando di studiare le proprietà di questo rimedio naturale su cui sono stati pubblicati numerosi studi scientifici.

Secondo alcuni studi l’assunzione di withania               

può ridurre di quasi il 90% i sintomi dello stress.

In uno studio condotto su 64 persone con stress cronico, coloro ai quali era stata somministrata ashwagandha hanno visto una riduzione del 69% dei sintomi di ansia e insonnia, rispetto al’11% di miglioramenti ottenuti da chi aveva assunto un placebo.

Come adattogeno l’ashwagandha è molto utile per chi ha problemi di tiroide.

Può dare anche un valido supporto a coloro che sono affetti da tiroidite di Hashimoto e da ipotiroidismo.

In un recente studio è stata somministrata ashwagandha a 50 persone con problemi di tiroide senza che però mostrassero segni clinici di disfunzione.

Durante le 8 settimane di sperimentazione, le persone trattate con withania hanno avuto un aumento della produzione dell’ormone tiroideo TSH e della tiroxina.

I ricercatori hanno concluso affermando che l’ashwagandha potrebbe contribuire a migliorare i livelli ormonali tiroidei in chi soffre di ipotiroidismo.

Migliorando le prestazioni e la funzionalità tiroidea, potrebbe non essere indicata in chi soffre di ipertiroidismo.

Uno studio del 2015 mostra in che modo questa pianta sia in grado di migliorare la capacità cardio-respiratoria in 50 atleti.

Nello studio è stato misurato il loro consumo di ossigeno durante l’allenamento.

Ed è stato fatto compilare anche un questionario sulla loro salute fisica e psicologica oltre che sulla qualità della vita dopo il trattamento con ashwagandha.

Non solo la sua assunzione migliorò la resistenza cardiocircolatoria, ma migliorò anche la qualità della vita.

Uno studio con soggetti non allenati e che stanno seduti spesso è stato in grado di determinare un effetto positivo sulla forza muscolare.

Un altro studio di Raut et al. è apparso nel luglio 2012 sul Journal of Ayurveda and Integrative Medicine.

Lo studio ha coinvolto 18 uomini che svolgevano principalmente attività sedentarie ma erano sani.

I partecipanti non hanno completato alcuna unità di formazione durante il periodo di prova di 30 giorni.

Tuttavia, gli scienziati indiani sono stati in grado di identificare un gran numero di effetti positivi.

Nelle conclusioni dello studio si legge: “In questo studio è stato dimostrato un effetto positivo sulla forza muscolare, sui livelli di lipidi nel sangue e sulla qualità del sonno”.

La forza muscolare della parte bassa della schiena è aumentata del 15,4% e quella del quadricipite del 21,5%.

Anche la massa grassa è diminuita, ma l’effetto non è stato significativo.

Non ci sono stati effetti collaterali di Ashwagandha nei partecipanti allo studio.

Chi ne ha benefici?

Soprattutto le persone che sono esposte a molto stress riferiscono di un’esperienza positiva di Ashwagandha.

Inoltre tutte le persone che vogliono essere fisicamente o cognitivamente più efficienti possono beneficiare dei poteri della pianta.

Numerosi atleti riferiscono della loro esperienza personale di Ashwagandha per raggiungere il livello sportivo successivo.

In conclusione.

L’ ashwagandha è un aiuto contro:

  • Stress
  • Disturbi d’ansia
  • Depressione
  • Debole libido negli uomini e nelle donne
  • Basso livello di testosterone
  • Sistema immunitario debole
  • Malattie della ghiandola tiroidea
  • Debole potere di concentrazione

EFFETTI COLLATERALI ?

Non sono stati a oggi evidenziati effetti collaterali dell’ashwagandha.

La Withania somnifera è una pianta priva di tossicità e utilizzabile con tranquillità ai dosaggi abitualmente consigliati.

Le interazioni con i farmaci dell’ashwagandha riguardano solo alcuni psicofarmaci, come i barbiturici, di cui il ginseng indiano potrebbe rafforzare gli effetti.

Peraltro non tutti gli autori concordano sulla veridicità di questa interazione.

In merito alle controindicazioni dell’ashwagandha, l’uso di questa pianta è da evitare in gravidanza, perché potrebbe indurre l’aborto.

In genere viene sconsigliata l’assunzione di Withania somnifera anche durante l’allattamento. Inoltre, alcune evidenze, comunque isolate o non del tutto confermate, suggeriscono prudenza o invitano a non prendere l’ashwagandha in caso di ipertiroidismo.

Ti potrebbe interessare questo articolo 

Naturalymph