/, Glicemia alta/Berberina: che cosa è e a cosa serve ?

Berberina: che cosa è e a cosa serve ?

La berberina viene considerata come un miracolo della natura.

La berberina stata lungamente usata dalla medicina tradizionale cinese, dove viene impiegata per trattare tanti disturbi.

E’ un composto bioattivo derivato dall’estrazione da diverse piante come la Berberis ed essa rappresenta un fitoterapico paragonabile alla potenza di un farmaco.

Oggi la scienza moderna ne ha confermato gli effetti positivi e le aziende di integratori americane più affermate la stanno iniziando ad inserire nei propri prodotti.

In Italia ancora siamo agli inizi, ma negli Stati Uniti ad esempio, molti cardiologi, oncologi, diabetologi ed alcuni endocrinologi, nutrizionisti stanno prescrivendo la berberina con risultati veramente soddisfacenti, tanto da paragonarla agli effetti di un potente e famoso farmaco ipoglicemizzante quale la metformina.

In uno studio su 116 pazienti diabetici è stato visto che con 1 gr/die di Berberina si è abbassata la glicemia del 20% (da 126 a 101 mg/dl) taluni sono passati da livelli elevati di glucosio a livelli fisiologici.

L’effetto della berberina è quello di modulare soprattutto i recettori insulinici del tessuto muscolare potenziando la loro capacità di interagire con l’insulina, così da aumentare la sensibilità insulinica dei muscoli, quindi è capace di aiutare in maniera sensibile l’utilizzo di carboidrati da parte delle cellule muscolari.

Alcuni studi scientifici hanno inoltre dimostrato che la berberina è in grado di migliorare il profilo lipidico in caso di iperlipidemia, ovvero che può avere effetti benefici in caso di eccesso di lipidi nel sangue, quali colesterolo o trigliceridi.

Questa capacità di abbassare i livelli di colesterolo LDL, di trigliceridi e di innalzare il colesterolo HDL, migliorando così questi ed altri fattori cardiovascolari è stata dimostrata, infatti uno studio effettuato nel 2004 (pubblicato su Nature Medicine da Kong, Wei J, Abidi et al), con 32 pazienti (ipercolesteroclemici ), ha dimostrato che dopo 3 mesi di assunzione orale ha ridotto a questi ultimi il colesterolo plasmatico del 29&, i trigliceridi del 35% ed il colesterolo LDL del 25 %.

La berberina, un potente attivatore dell’AMPK

(Adenosine Monophosphate activated Protein Kinase) che è una sorta di regolatore della centrale energetica della cellula, che controlla quanta energia è prodotta e consumata sia dalla cellula che nell’organismo.

Questa molecola è un enzima fondamentale per l’organismo, poiché prende parte alla normalizzazione del metabolismo energetico, come altresì alla regolazione della dose alimentare e della sensibilità dei tessuti.

Svolge inoltre un ruolo fondamentale in alcune patologie metaboliche quali il diabete, l’insulino-resistenza, l’obesità o le complicazioni connesse al diabete.

Attivando l’AMPK, la berberina va ad agire a vari livelli:

  • stimolando il metabolismo degli acidi grassi nei mitocondri, riduce il livello dei lipidi circolanti nel sangue: trigliceridi e colesterolo LDL;
  • aumentando la produzione di GLUT4, un trasportatore di glucosio che si trova sostanzialmente nei muscoli e nelle cellule grasse, consente un miglioramento della sensibilità all’insulina;
  • migliorando la sensibilità all’insulina, facilita il trasporto del glucosio intercellulare, consentendo all’organismo di utilizzare al meglio gli zuccheri e l’insulina, e dunque di ridurre la percentuale di glucosio nel sangue.

Berberina e perdita di peso.

Riportiamo due studi scientifici dove la scienza ha dimostrato che la berberina, a parte tutte le altre proprietà, ha un potere sul dimagrimento.

Il primo studio (durato tre mesi) ha coinvolto pazienti con obesità, cui sono stati somministrati 500 mg di supplemento fino a 3 volte al giorno. Il dimagrimento medio è stato di almeno 5 Kg.

 Inoltre, la cosa importante è che c’è stato un miglioramento della composizione corporea.

Il grasso è diminuito in media del 3.6%.

Il secondo studio, della durata di tre mesi, ha ottenuto risultati ancora più palesi ed è stato fatto su uomini e donne con sindrome metabolica.

Per tre volte, ogni paziente ha assunto 300 mg. di berberina.

Il Body Mass Index ( indice di massa corporea) è diminuita in media da 31.5 a 27.4.

In pratica i pazienti sono passati da uno stato di obesità a uno stato di sovrappeso con tutti i vantaggi che ne derivano.

Infatti i vantaggi non sono stati solo i kg e i centimetri persi ma i valori sullo stato di salute, analizzati attraverso i test.

Ovviamente questa perdita di peso viene associata ad un ristrutturazione ormonale che determina una migliore lipolisi.

Tutto questo migliora l’incidenza e mortalità delle malattie cardiovascolari.berberina

Altre proprietà della berberina sulla salute

La Berberina, come insegna la medicina tradizionale cinese, potrebbe avere altri effetti positivi sulla salute:

  • depressione
  • contrasto verso l’accumulo di grasso epatico
  • uno studio mostra un miglioramento importante sui sintomi e sulla riduzione di rischio  su pazienti infartuati
  • effetto antiossidante ed antinfiammatorio;
  • effetto sulle infezioni virali e micotiche

In tutti questi casi serve maggiore ricerca prima di inserire tra le indicazioni anche questi effetti, ma la corrente evidenza è molto promettente.berberina e salute

Effetti collaterali della Berberina

Il disturbo che può presentare su alcune persone sensibili riguarda il sistema gastrointestinale con crampi, diarrea, fastidio allo stomaco, e flatulenza.

Utilizzo

La Berberina ha un’emivita di poche ore perciò è meglio se si l’assunzione si divida in base ai pasti (prima) per avere il migliore risultato.

Dosi

Le dosi giornaliere ammesse per gli integratori alimentari sono di 500 mg, anche se molti studi parlano di 700/1000 mg. noi invitiamo i lettori a prendere i dovuti pareri medici anche se la berberina si è dimostrata un alcaloide atipico, per la notevole sicurezza d’uso e per la bassissima tossicità.

Integratori a base di berberina

Esistono molte aziende che producono integratori a base di berberina, noi abbiamo creato il nostro Naturaload che ha anche altre due potenti molecole.

Anni fa abbiamo cominciato una ricerca focalizzando la nostra attenzione su dei principi attivi che sono risultati capaci di migliorare la sensibilità insulinica dell’organismo e di stabilizzare i livelli di glicemia dopo i pasti.

Il nostro lavoro è stato quello di metterli insieme, in modo equilibrato, 3 molecole che già da sole hanno un potere naturale per migliorare la sensibilità insulinica, abbassare il colesterolo e agire come antiossidanti.

Quali sono queste molecole?

Ovviamente la berberina, L’acido alfa-lipoico in forma R (R-ALA) e il cromo picolinato.

NaturaLoad 60 e 90 capsule

[Voti: 5    Media Voto: 3.4/5]

2017-12-01T10:21:36+00:00